IN   EVIDENZA

http://www.cittametropolitana.torino.it/cms/comunicati/politiche-sociali/sportello-contro-il-sovra-indebitamento-di-privati-e-piccoli-imprenditori-attivo-ogni-giovediin

Nuova collaborazione tra la Città Metropolitana di Torino e l'OCC La Rinascita degli Onesti
Una convenzione firmata tra Città metropolitana di Torino e il Comune di Villastellone estende nel capoluogo l'attività dell'organismo “La Rinascita degli Onesti” per sostenere e tutelare i consumatori, le piccole e medie imprese, i commercianti, gli artigiani, i professionisti, gli imprenditori agricoli e gli enti privati non commerciali, nella gestione della crisi da sovraindebitamento. Come gestori della crisi sono individuati professionisti dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Torino e dell’Ordine degli avvocati di Torino. 
Anche Città metropolitana di Torino interviene a fianco di quanti – privati o piccoli imprenditori – si trovano alle prese con problemi di sovra indebitamento e lo fa aprendo uno sportello

settimanalmente il giovedì mattina a partire dal 24 settembre

, dopo le iniziative già nate a Villastellone ed estese poi a Rivoli e Pinerolo con la creazione di un organismo di composizione della crisi da sovra indebitamento (OCC) per assistere e guidare gli interessati nella soluzione della crisi. 

Lo sportello avrà sede a Torino in corso Inghilterra 7 al 2 piano – stanza 16 ogni giovedì h 9/13 SOLO SU APPUNTAMENTO scrivendo a sovraindebitamento@cittametropolitana.torino.it o telefonando al numero 011.861.6029




 


Sportello contro il sovra indebitamento...edi - Città Metropolitana di Torino...pdf

EMERGENZA COVID 19

L’OCC La Rinascita degli Onesti continua ad operare in modalità smart working avendo
sottoscritto accordi di cooperazione e collaborazione con le Fondazioni antiusura per sopperire
all'attuale impossibilità di incontrare personalmente il pubblico e poter comunque proseguire la
propria attività. Il nostro team, infatti, intende fermamente continuare a fornire un supporto alle
persone oneste, ma sfortunate che si trovano in difficoltà specialmente in questo momento
delicato della storia del nostro Paese.

ESCLUSIVAMENTE IN VIA PROVVISORIA ED
EMERGENZIALE

al fine di poter verificare la fattibilità di una delle procedure previste dalla
Legge 3/12 ed eventualmente istruire la pratica, si chiede di compilare e sottoscrivere il
QUESTIONARIO e INFORMATIVA PRIVACY sotto riportati, modulistica da trasmettere unicamente
all'indirizzo del Referente dell'Organismo, Rag. Spada Luigi:

referente.occ.villastellone@aruba.it

.

DICONO DI NOI....



E' POSSIBILE COMBATTERE L'USURA

IL SOVRAINDEBITAMENTO

La perdita del proprio lavoro, un affare andato male, la perdita di un importante cliente per un’impresa o il mancato incasso di una commessa di importo rilevante sono tutti elementi che spesso fanno entrare una famiglia o una piccolissima impresa in una spirale dalla quale non riesce più ad uscire. Subito dopo, mancano le risorse per pagare il mutuo della casa, la banca chiede di rientrare del fido, i fornitori bloccano gli approvvigionamenti perché hanno degli arretrati da incassare.

Inevitabilmente tutti questi creditori insieme busseranno insistentemente alla porta della famiglia o della piccola impresa, iniziando spesso procedure esecutive che, oltre a rappresentare un motivo di profonda frustrazione, rappresentano di fatto la morte della piccola impresa o l’impossibilità per la famiglia privata di risolvere la situazione con dignità.

A volte, peggio, l’urgenza spinge il debitore verso canali di credito “non convenzionali”, facendolo cadere per disperazione in fenomeni di usura che quasi sempre danno al debitore il colpo di grazia finale, spesso con esiti ancor più drammatici.

L’amministrazione di Villastellone vuole aiutare concretamente chi, spesso senza colpa, si viene a trovare in una simile situazione, costituendo in collaborazione con Federconsumatori Piemonte un “Organismo di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento” (OCC) per assistere e guidare l’interessato nella soluzione della crisi secondo la legge 27 gennaio 2012, n. 3 e permettere di “ripartire da zero”.